Rivista di psicoanalisi - ISSN 0391-7274

«L’oggetto di cui non si ha idea»

Title«L’oggetto di cui non si ha idea»
Publication TypeJournal Article
Year of Publication2021
AuthorsCimatti, F.
Secondary TitleGli Argonauti
Volume193
Issue1
Pagination19-32
Date Published05/2021
PublisherPadova University Press
Place PublishedPadova, IT
ISSN Number0391-7274
KeywordsAltro, dualismo pulsionale, Freud, inconscio, Laplanche
Abstract

Abstract. Essere umano significa essere un vivente scosso dall’enigmaticità dell’Altro, un’enigmaticità che nessuno dei “codici” naturali di cui l’infans dispone alla nascita è in grado di sciogliere. L’inconscio, per Laplanche, è questo “altro” non tradotto che continua a pungolare la soggettività umana. In effetti i «messaggi enigmatici» si depositano letteralmente come residui cosali: si pensi al significante linguistico, che non è altro che una vibrazione sonora, oppure alla ‘scia’ somatica lasciata da una carezza ambigua sull’epidermide. Tolto il valore semantico di questi segni ne rimane tuttavia la traccia materiale. Il problema che si pone è se il ‘soggetto’ umano riuscirà mai a trovare un modo per convivere con questa radicale alterità a sé stesso.

URLhttps://argonauti.padovauniversitypress.it/2021/1/2
DOI10.14658/PUPJ-ARGO-2021-1-2