Rivista di psicoanalisi - ISSN 0391-7274

L’osservazione psicoanalitica: controtransfert e vincolo

TitleL’osservazione psicoanalitica: controtransfert e vincolo
Publication TypeJournal Article
Year of Publication2018
AuthorsBalello, L., Fischetti R., & Milano F.
Secondary TitleGli Argonauti
Volume2018
Issue1
Pagination43-51
Date Published03/2018
PublisherPadova University Press
Place PublishedPadova, IT
KeywordsCompito, Controtransfert, Ideologia, Setting, Vincolo
Abstract

Il controtransfert dell’osservatore è sempre compromesso nella ricerca sia affettivamente sia ideologicamente. Gli autori riprendono le ricerche di Pichon-Rivière e W. Baranger per richiamare l’attenzione su quanto sia impossibile l’astinenza ideologica. Ci troviamo di fronte a una situazione paradossale: da una parte ammettiamo la necessità della regola di astinenza e dall’altra riconosciamo che quella regola è inapplicabile.
Gli autori affrontano il paradosso riprendendo l’inclusione dell’osservatore nella relazione terapeutica. Con l’inclusione dell’osservatore nel campo dell’osservazione la relazione viene in primo piano e con essa lo studio del controtransfert e del transfert.
L’analisi di una seduta familiare illustra un modo di osservare che permette di non soffermarsi solo sull’analisi di quello che i pazienti dicono, ma osservare quello che i membri della famiglia fanno tra di loro e con il terapeuta al fine di poter lavorare sulla situazione simbiotica. Il percorso interpretativo consiste nel dire alla famiglia scena per scena ciò che sta succedendo. L’interpretazione serve per aiutare a trasformare elementi della “partecipazione” (socialità sincretica) in vincolo.